domenica 20 luglio 2014

Libri sotto l'ombrellone...o l'ombrello!

(Illustrazione di Catrin Welz-Stein)
 
Il titolo del post non è ironico!...ma veritiero, visto il meteo!...un giorno sotto l'ombrellone e l'altro sotto l'ombrello...
Comunque sia questi sono quattro libri che vi consiglio davvero...
Sono generi estremamente diversi, ambientati in epoche opposte, ma tutti hanno la capacità di tenere attaccati alle pagine fino alla fine.

 
Camilla Lackberg non delude proprio mai!
Questo ultimo giallo è davvero coinvolgente...dalla prima all'ultima pagina.
 
Un mazzo di gigli bianchi e una busta con un biglietto. L'ennesimo. Impegnato nel lancio del suo romanzo d'esordio, Christian Thydell riconosce sul cartoncino bianco che gli viene recapitato prima di una presentazione la stessa calligrafia elaborata che da oltre un anno lo perseguita, e finisce per crollare. A Erica Falck, sua preziosa consulente nella stesura del libro, confessa di ricevere da tempo oscure lettere anonime. Uno sconosciuto lo minaccia di morte, e il pericolo si fa sempre più vicino. Quando dal ghiaccio lungo la costa viene ripescato il corpo di un vecchio amico di Christian misteriosamente scomparso tre mesi prima, l'ispettore Patrik Hedström si convince che tra i due episodi ci sia una relazione e comincia a indagare. Intanto Erica, in faticosa attesa di due gemelli, decide di seguire una pista tutta sua. Chi meglio di lei conosce la psicologia di uno scrittore? Sa bene che, quando si scrive, si finisce sempre per infilare nella trama anche qualcosa della propria vita. Il presente di Fjällbacka torna a intrecciarsi a drammi che hanno la loro origine in tempi lontani, una fumosa e tormentata concatenazione di cause ed effetti che si trascina negli anni, a conferma che i segreti non si lasciano mai seppellire per sempre e che il passato, inesorabilmente, finisce coll'agguantarti.



Tutt'altro scenario ed epoca in questo romanzo...
 
 Una storia di desideri profondi e svolte inaspettate sullo sfondo del regno spagnolo nel Nuovo Mondo. Un romanzo intenso sul significato di essere donna in un secolo di grandi cambiamenti, sull'incontro con culture e tradizioni lontane, sulla forza irrefrenabile dell'amore. Spagna, 1544. Mariana ha un animo ribelle. Figlia di un nobile castigliano, fin da bambina passa le sue giornate tra gli scaffali della vecchia biblioteca. Solo circondata dai libri si sente veramente sé stessa. Immersa nella lettura trova rifugio dalla rigidità e dall'oppressione della sua famiglia, attraverso le parole immagina un futuro diverso. E adesso che è entrata al servizio del re, sembra aver conquistato la sua libertà. Ma l'indipendenza a lungo sognata non dura che un istante. Il suo destino è già scritto, suo fratello ha deciso per lei: andrà in sposa al viceré nel lontano Nuovo Mondo. Eppure, inaspettatamente, in questa terra dal fascino antico le svela una strada per la felicità che passa per le pagine di un prezioso taccuino. Sotto cieli di straordinari colori, in valli sconfinate dai mille profumi, sopraffatta da una passione sconosciuta, scopre una nuova forma di libertà: l'amore. Miguel conquisterà il suo cuore, proprio lui che lei non può amare...
"I lanciafiamme" invece  è un romanzo che si apre durante prima guerra mondiale e poi prosegue compiendo salti spaziotemporali, passando attraverso la scena artistica della New York degli anni Settanta, l’Egitto coloniale e arrivando alle piantagioni di gomma del Brasile e agli anni di piombo in Italia. E’ un romanzo, quello proposto da Rachel Kushner, in cui viene rappresentato l’ardore giovanile e la forza seducente della velocità e della violenza. Come suggerito dal titolo stesso, ciò che l’autrice intende raccontare è la fiamma della passione che ha animato artisti ed anarchici, fascisti e futuristi. La narratrice protagonista è una ragazza soprannominata Reno, come la città del Nevada da cui proviene. Ha vent’anni e ha finito da poco gli studi. L’arte è la sua grande passione e sogna di fare l’artista. Sta sfrecciando su una moto a 150 miglia all’ora, perché intende creare un’opera d’arte in grado di rappresentare la velocità. Nelle prime pagine, parallelamente alla vicenda di Reno, vi è quella di Valera, un soldato italiano. Rachel Kushner, con i lanciafiamme, attraversa diversi periodi storici, per raccontare l’energia , talvolta distruttiva, delle ideologie.
Molto bello...e toccante.
 
Il romanzo racconta la storia vera di una ragazza qualunque che diventa la sposa di uno degli uomini più famosi e amati degli Stati Uniti: il celebre aviatore Charles Lindbergh.
I giornali lo braccano, le donne lo adorano, gli uomini lo emulano. Ma quando lui, di ritorno da un viaggio, conosce Anne, la figlia dell'ambasciatore degli Stati Uniti in Messico, capisce di avere appena trovato quello di cui è in cerca da sempre, e la chiede in sposa. Un anno dopo il matrimonio, però, il primogenito della coppia, Charles jr., viene rapito da una banda di criminali che, dopo aver incassato il riscatto, lo abbandona senza vita in un campo. La famiglia è distrutta dal dolore, soprattutto Anne, che non riesce a perdonarsi il fatto di aver anteposto le esigenze di viaggio del marito al figlio. Anne e Charles hanno altri figli, ma non riescono più a recuperare l'intimità di un tempo. Lindbergh è sempre in viaggio o a qualche evento mondano, e ormai non si preoccupa più neppure di nascondere le sue scappatelle. Del resto, come può una ragazza timida e riservata come Anne competere con il famoso aviatore “Lucky Lindy”? Meglio trovare rifugio nella solitudine dei libri, allora, nella scrittura e tra le braccia di un medico che la capisce.
 
E’ un bel romanzo,con tante sfaccettature. E’ la storia di un uomo che ha fatto la Storia e che, per qualche motivo connesso con la sua storia famigliare, era incapace di tenerezza. Un uomo di grande coraggio che amava volare per sentirsi piccolo nell’universo. Ma è anche la storia di una donna che si è sentita ‘grande’ per essere stata scelta da un grande uomo, che ci ha messo quarant’anni per ritrovare se stessa dopo essere stata plasmata dal marito. E’ poi una storia d’amore, di quel tipo di amore che elettrizza. Che ti spinge a rinunciare a te stessa senza che tu te ne accorga, ma forse, dopotutto, questo è l’unico tipo di amore che permette di continuare a vivere accanto alla persona con cui si è sposati.
 
 
Bene, non mi resta che augurarvi buona lettura!!!...e alla prossima recensione!

 

martedì 15 luglio 2014

Baia delle sirene

 
Visto che questa estate non prevedo lunghe vacanze fuori regione, ho deciso che scandaglierò le spiagge migliori della Liguria vicino a me. Ve le farò conoscere meglio se già ci siete stati e vi incuriosirò così tanto da spronarvi a partire per vederle!
Comincio da uno dei posti più graditi per me...il Parco marino dell'Isola di Bergeggi.
Ve ne ho già parlato...ma oggi vi mostro una delle spiagge più suggestive, il Lido delle Sirene.

 
Per accedere bisogna scendere ( ...e al ritorno risalire! Ih,ih,ih...) un centinaio di gradini, per questo è frequentata con "riserva", perchè non tutti han voglia di scarpinare un po'...
Quindi affollamento relativo, anche d'estate...e questo è il bello!
Non parliamo del panorama...che potete ben vedere da soli...l'acqua e il fondale puliti, sembra di stare in Sardegna, come tutte le spiagge liguri (quasi tutte!) non ha sabbia fine ma ciotolini, che non sporcano!
L'unico punto a sfavore, se vogliamo vederlo così, è che il pomeriggio il sole cala abbastanza presto, per via delle rocce che la sovrastano...insomma si può stare anche in ombra (naturale...).
 

 
E' una delle più belle spiagge della provincia di Savona...e credo che si capisca il perchè! La natura è regina, fuori e dentro all'acqua, infatti qui si può fare snorkeling e immersioni.
Se si è provetti nuotatori si può arrivare fino all'isoletta, stando attenti alle correnti...
Che dite?...non è una bella fortuna avere a mezzora da casa (casa mia intendo....) questo paradiso?
Io credo proprio di sì...e ne sono consapevole!
 

Bene...adesso vi lascio gustare le immagini e i colori dell'estate che è finalmente cominciata.
Continuo a perfezionare la mia abbronzatura e vi abbraccio!
...alla prossima spiaggia "di casa"!
 




lunedì 14 luglio 2014

Ghirlanda d'estate


Anche l'estate merita una ghirlanda nuova alla porta di casa...
Questa è molto semplice e di "riciclo": il midollino per la ghirlanda, dei fiori di seta, nei nastri multicolor in toni pastello e delle farfalle leggere, intagliate nella carta.
Et voilà!
 


Sembra che le farfalle si siano date appuntamento sulla mia porta...
...e non potrei sopportare che queste, in carta!
Visto che io ho una vera e propria "fobia" per gli insetti con le ali.
Speriamo che questi colori vivaci si armonizzino presto con quelli del tempo...che in questi giorni è stato parecchio grigio!
Buona settimana.
 



lunedì 7 luglio 2014

Welcome Summer

Eh, lo so...lo so...l'estate qui al Nord non si può ancora chiamare così....!
Infatti, un giorno sì e l'altro anche, piove e il cielo è grigio.
Strana estate questa, almeno fino ad ora.
Vediamola così: per il momento non soffriamo il caldo!
Quindi speriamo in giorni più soleggiati da passare sulle nostre spiagge... e allora ricamiamo queste cabine colorate, facendo la "danza del sole"!


sabato 5 luglio 2014

Progetti "knitting and crochet"

 
Mi sono presa una pausa dal ricamo...e ho di nuovo messo mano ai ferri e all'uncinetto!
In questo momento sto sferruzzando questo poncho fucsia-rosso, con un modello similare a quello sotto...poi farò degli "aggiustamenti" personali!
 

 
In tempo di saldi ho fatto compere al mercato...e mi sono invaghita di questa lana impalpabile, con mille sfumature di lillà...e la lavorerò con un filo "paillettato"...che fa molto "sberluccico"...
Vorrei realizzare uno scialle-sciarpa similare a quello grigio della foto.


 
Anche l'uncinetto mi chiama......e così ho comprato questa lana grigia-nera-panna, per realizzare delle piastrelline granny, che diventeranno una borsa.


Ecco qui vari prototipi...ma fra questi (e altri) mi sa che sceglierò quella più grande, per confezionare una borsetta simile a quella in foto.




 
Questa lana mi ha fatto subito impazzire...ha dei colori bellissimi!
Mi piace troppo...e girovagando sul web ho trovato questa sciarpa semplicissima ma di grande effetto, che sfrutta il principio della spirale.


 
E infine....con questa lana sottile e grigio scuro farò dei mezzi guanti o scaldapolsi, che dir si voglia...
Un modello semplice, tipo quelli in foto...


 
Bene!...mi sa che ho da lavorare per un bel po'!!! Ma sto già pensando all'autunno...e mi farò trovare pronta!!!
Buon weekend!

mercoledì 2 luglio 2014

My love in Portofino

 
Ieri gitarella a S. Margherita, Portofino & dintorni...
Sono sempre più convinta che la terra in cui abito sia stata baciata dalla fortuna, per le bellezze naturali che ci sono!
Passeggiare sulle alture di Portofino, oltre che in "piazzetta", è davvero un toccasana per i sensi...
profumo di gelsomino, vista spettacolare, canto di cicale...
Le foto sono VERE, giuro!...non ritoccate da cartolina...ma il paesaggio sembra quasi irreale ...da tanto è bello!
Ho passato una bellissima giornata con amici e Luca, il mio amore più grande!!!
 
 





sabato 28 giugno 2014

Cuscino d'estate su Passion Fil

 
Anche in Passion Fil 24, ora in edicola,  c'è un mio lavoro...
Un cuscino morbido, ricamato con i simboli dell'estate in campagna...le api, i frutti, le farfalle, i fiori...in tutta la gamma del giallo, un colore che più estivo non si può!!
 


sabato 21 giugno 2014

Borsa - mania...

 
Ahhh, non riesco più a fermarmi!
La borsa-mania mi ha preso!!!
Così in quattro e quattr'otto ne ho realizzata un'altra...una shopper bag, abbastanza grande, con cui ho voluto iniziare l'estate!...non vi pare molto allegra?

 
Il ricamo è tratto da uno schema di C Mon Monde, rimaneggiato a mio uso...
...ho inserito i bellissimi bottoni di Maristella, che mi avevano fatto scattare l'idea di questo lavoro.
Poi qualche stampino ha fatto il resto...
Ho scritto la frase che accompagna il ricamo: "...promenons-nous dans les bois..."
Passeggiamo nel bosco...è la proposta del lupo, che cattivo non è, alla nostra Cappuccetto Rosso!
Il lupo porge fiori e cuori...come poter resistere??
 
 
Questo modello per fare borse e sacchetti di stoffa è davvero velocissimo e facile, anche per una come me...
Ho rifinito con due "citrouilles" e dei bottoni in tinta...e ho messo anche l'etichetta "fatto a mano", stampigliata.
E la borsa è finita!
A me piace davvero tanto...mi fa allegria solo a vederla.
Certo, le bravissime del cucito potranno trovare mille difetti...ma pazienza!...io ho ancora tanto da imparare!!!
Buona Estate!!
 




 




LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...