lunedì 1 settembre 2014

Ritorno a scuola...



 
Oh, sì...sì! Oggi per me è stato il momento del rientro a scuola...
Ho già nostalgia dell'estate e delle vacanze...! Sigh!!
Vi regalo questo coloratissimo sampler davvero semplice...per le semplici attività che di solito contraddistinguono l'inizio di chi comincia la scuola...
Spero che sia di buon auspicio anche per me!...e che possa essere un anno scolastico sereno per tutti.

giovedì 21 agosto 2014

La mia prima "granny bag"


Eccola qui!...sono molto soddisfatta di averla realizzata...la mia prima granny bag!
Questo modello è stato confezionato con 17 piastrelline, ma avevo visto anche modelli con più quadratini...e ovviamente con una dimensione più ampia.
Ma io, tanto per cominciare, ho preferito un modulo semplice...
Intanto non sapevo se fossi ancora in grado di lavorare all'uncinetto!...
Forse il manico della borsa è un tantino grande...ma in casa avevo solo questo, per il momento lo lascio...e quando ne troverò uno più adatto lo sostituirò.


Per le piastrelle in lana ho utilizzato uno schema semplice ma d'effetto...si chiama "sunburst".
Tanti piccoli "fiori" stellati...e utilizzato lana dai toni del panna al nero...passando per il grigio!
I colori che prediligo per l'inverno!...e che facilmente si abbinano ad altre tinte.
Bene: un altro progetto "estivo" è andato in porto...ora mi rimetto all'opera e passo al prossimo!
Chi riesce a stare con le mani in mano???


martedì 19 agosto 2014

Affila forbici Premax



 
Premaxshop.com il più referenziato negozio on line DI CUI SONO PARTNER, termina la promozione dell’affila forbici a partire dal 30 agosto. Se non hai ancora approfittato di questa splendida opportunità, affrettati ad acquistare almeno due prodotti (forbici o coltelli) sul sito premaxshop.com, e questo utilissimo accessorio dal valore commerciale di €10,74 sarà subito tuo. Non aspettare altro, le spedizioni con all’interno il tuo regalo iniziano al 25 agosto e terminano al 30 agosto ma puoi sempre acquistare adesso e aspettare qualche giorno la consegna. Una decina di giorni non di più…

venerdì 15 agosto 2014

Ferragosto fra prati e libri

 
Innanzi tutto buon Ferragosto...
Non vi mostrerò ricami e lavori di creatività, oggi.
Anche perchè sto lavorando a creazioni per ora "top secret"...che potrò svelare solo in inverno!!!
 
Io oggi non farò spostamenti, la festa di Ferragosto la passerò con amici, in una casa "quasi" nel bosco, ma qui a Sassello.
Colgo così l'occasione di farvi vedere anche una "briciola" del paese in cui vivo...che rispecchia assai bene l'entroterra ligure. Colline e prati a perdita d'occhio...
Il verde non manca, insomma!


 
Oggi è una giornata di relax, pic-nic e per dedicarsi a ciò che ci piace...
Nel mio caso anche i libri!
Quindi vi lascio tre proposte di volumi che ho letto (e sto ancora leggendo) di recente.

Questa è una lettura davvero picevole e molto scorrevole...
Un piccolo "giallo", poco più di una favola dai toni soffusi e dolci narrata in prima persona da una bimba affetta una affascinante malattia genetica: lo xeroderma pigmentoso che non permette alla pelle di ricevere raggi ultravioletti e quindi il sole, pena la comparsa di melanomi e dunque la morte.
La cosa che più colpisce non è la trama che appare lineare e piuttosto prevedibile, ma la caratterizzazione della protagonista; Viola è una bimba consapevole della propria malattia e della propria aspettativa di vita e i suoi pensieri sono verosimili, non si trova traccia in nessuna delle pagine di pietà o di commiserazione.
La vita di Viola è descritta con l'ingenuità e il cinismo che si addicono a questa situazione e lo stile utilizzato è lieve seppur veloce.
La storia consiste in un omicidio di cui Viola è testimone e dal quale cercherà di trarre tutto il vantaggio possibile, come ho accennato ci sono molti salti logici, è necessaria una sospensione dell'incredulità ed è necessario soprassedere in diverse situazioni, ma nel complesso la sensazione è piacevole durante la lettura, proprio perché naturale, anche se di naturale in una bimba che deve uscire la notte, insieme ai gufi, agli opossum e camminare con gli occhiali per la visione notturna, mentre i suoi genitori dormono non c'è niente.
 

 
Credo che una delle doti migliori di Simonetta Agnello Hornby sia quella di saper davvero descrivere...e questo libro ne è una testimonianza.
Romanzo autobiografico che, sul filo trasparente della memoria, recupera episodi di vita vissuta dall'autrice e dalla sua famiglia partendo dal lontano 1958 quando lasciarono Agrigento per stabilirsi a Palermo.
Gli Agnello, famiglia piuttosto benestante, composta da Simonetta (l'autrice), Chiara (la sorella) e i due genitori, lasciano Mosè frazione di Agrigento, con un carico di malinconia ma ricolmi di aspettative per il futuro.
La Palermo che li accoglie è famigliare, movimentata e resa dolce dall'affetto dei parenti e da quel grazioso appartamento di via XX settembre. L'autrice descrive strade e panorami, profumi intensi, persone, gesti, usi e costumi che fanno da contorno ad una Sicilia ormai lontana.


Questo è il libro che sto ancora leggendo...
La trama e le recensioni di Vita dopo vita, romanzo di Kate Atkinson edito da Nord. Vita dopo vita è uno di quei rari e fortunati casi in cui il talento creativo e la qualità letteraria hanno saputo conquistare anche il grande pubblico. Salutato dalla critica come un capolavoro destinato a rimanere nella storia della letteratura, questo romanzo è da mesi in testa alle classifiche inglesi e americane ed è stato eletto miglior romanzo dell’anno da alcune tra le più prestigiose testate giornalistiche del mondo. In una gelida notte di febbraio del 1910, a Londra nasce una bambina. Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo, e nessuno riesce a salvarla. In una gelida notte di febbraio del 1910, a Londra nasce una bambina. Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo, ma il medico di famiglia, giunto proprio all’ultimo istante, lo taglia e permette alla piccola di respirare. Inizia così la vita straordinaria di Ursula Todd, una vita che, nel corso degli anni, verrà spezzata più e più volte, mentre l’umanità si avvia inesorabilmente verso la tragedia della guerra. Vita dopo vita, Ursula troverà la forza di cambiare il proprio destino, quello delle persone che incrocerà e quello del mondo intero?

martedì 5 agosto 2014

Baia dei Saraceni

 
Questa è davvero una strana estate...fino a l'altro ieri il tempo è stato infimo, incerto e del tutto "fuori stagione", con temporali e poche giornate belle.
Questo ha dei lati positivi...il fatto che non ci sia stata afa e caldo insopportabile, ma anche tanti danni...e di questo dispiace molto!
Per il fatto che forse i turisti sono meno numerosi degli anni scorsi ci si gode però meglio le spiagge della nostra zona, che di solito in questo periodo sono prese d'assalto.
Oggi faccio conoscere a tutti coloro che non l'hanno mai praticata una spiaggia bellissima...stimata come una delle più belle d' Italia.
La Baia dei Saraceni a Varigotti....lido un po' "scomodo" da raggiungere per via del difficile parcheggio, che limita molte persone a fermarsi...
Vale davvero la pena di andarci almeno una volta...non ha nulla da invidiare ai tropici!
 
 
L'acqua va dal verde all'azzurro...la sabbia di ciotolini fini...e bianchi...
Insomma giudicate voi!
Anche il paesino di Varigotti merita una visita...con le case colorate dislocate direttamente sulla spiaggia...
...e molto ben frequentato da numerosi "vip", come Eva Herzigova e Michelle Hunziker, che hanno casa in questo posto!...e non è impossibile incontrarle sulla spiaggia.
Bene, spero di aver descritto a dovere un altro angolo di Liguria vicino a casa mia.
Non invidiatemi...dai!
Prendete un treno, l'auto o l'aereo e correte qui!!!
Buon mare...







giovedì 31 luglio 2014

Granny patch for bag

 
Terzo progetto "maglia - uncinetto" che si sta concretizzando!
Ho "crochettato" già qualche piastrellina granny per realizzare una borsa...sono solo a un terzo dell'opera...ma non riesco più a smettere!


Ho scelto questi colori non colori, perchè in inverno si abbineranno bene al mio abbigliamento...e...alla mia nuova auto! Ih,ih,ih...
Eh, sì!...è giunta l'ora di mandare in pensione la mia Ka vecchietta e ho scelto questa "frizzante" Nissan Juke...che mi è sempre piaciuta da quando è uscita sul mercato!
Non vedo l'ora di poterla guidare...


sabato 26 luglio 2014

Due progetti realizzati


 
 

 
Come mi ero ripromessa ho lavorato un po' con i ferri...
...e in tempi ragionevoli ho portato a termine il poncho rosso-fucsia e il baktus lillà.
Per il poncho ho usato fino all'ultimo centimetro di lana...realizzando una piccola sciarpina che ho cucito sullo scollo. Insomma...in tempi di crisi non si butta via niente...e ho pensato che di mezzo gomitolo di lana non avrei saputo che farmene....quindi ho pensato alla sciarpetta allegata!


 
Il baktus l'ho sferruzzato in due serate...davvero veloce e facile da fare...alla lana violetta ho aggiunto un filo di pailettes piccoline, che dalla foto non si vede, ma brillano tantissimo.
Ho in mente di realizzarne altri...con il freddo saranno una benedizione e si possono abbinare alle varie giacche, piumini, maglioni...
Bene!...ora mi metto all'opera con il ricamo...ho da finire gli ultimi due lavori in ordine per le riviste francesi...e si tratta di ricamare la montagna!
Un tema molto difficile per me...che adoro il mare!!!
Buona domenica...




domenica 20 luglio 2014

Libri sotto l'ombrellone...o l'ombrello!

(Illustrazione di Catrin Welz-Stein)
 
Il titolo del post non è ironico!...ma veritiero, visto il meteo!...un giorno sotto l'ombrellone e l'altro sotto l'ombrello...
Comunque sia questi sono quattro libri che vi consiglio davvero...
Sono generi estremamente diversi, ambientati in epoche opposte, ma tutti hanno la capacità di tenere attaccati alle pagine fino alla fine.

 
Camilla Lackberg non delude proprio mai!
Questo ultimo giallo è davvero coinvolgente...dalla prima all'ultima pagina.
 
Un mazzo di gigli bianchi e una busta con un biglietto. L'ennesimo. Impegnato nel lancio del suo romanzo d'esordio, Christian Thydell riconosce sul cartoncino bianco che gli viene recapitato prima di una presentazione la stessa calligrafia elaborata che da oltre un anno lo perseguita, e finisce per crollare. A Erica Falck, sua preziosa consulente nella stesura del libro, confessa di ricevere da tempo oscure lettere anonime. Uno sconosciuto lo minaccia di morte, e il pericolo si fa sempre più vicino. Quando dal ghiaccio lungo la costa viene ripescato il corpo di un vecchio amico di Christian misteriosamente scomparso tre mesi prima, l'ispettore Patrik Hedström si convince che tra i due episodi ci sia una relazione e comincia a indagare. Intanto Erica, in faticosa attesa di due gemelli, decide di seguire una pista tutta sua. Chi meglio di lei conosce la psicologia di uno scrittore? Sa bene che, quando si scrive, si finisce sempre per infilare nella trama anche qualcosa della propria vita. Il presente di Fjällbacka torna a intrecciarsi a drammi che hanno la loro origine in tempi lontani, una fumosa e tormentata concatenazione di cause ed effetti che si trascina negli anni, a conferma che i segreti non si lasciano mai seppellire per sempre e che il passato, inesorabilmente, finisce coll'agguantarti.



Tutt'altro scenario ed epoca in questo romanzo...
 
 Una storia di desideri profondi e svolte inaspettate sullo sfondo del regno spagnolo nel Nuovo Mondo. Un romanzo intenso sul significato di essere donna in un secolo di grandi cambiamenti, sull'incontro con culture e tradizioni lontane, sulla forza irrefrenabile dell'amore. Spagna, 1544. Mariana ha un animo ribelle. Figlia di un nobile castigliano, fin da bambina passa le sue giornate tra gli scaffali della vecchia biblioteca. Solo circondata dai libri si sente veramente sé stessa. Immersa nella lettura trova rifugio dalla rigidità e dall'oppressione della sua famiglia, attraverso le parole immagina un futuro diverso. E adesso che è entrata al servizio del re, sembra aver conquistato la sua libertà. Ma l'indipendenza a lungo sognata non dura che un istante. Il suo destino è già scritto, suo fratello ha deciso per lei: andrà in sposa al viceré nel lontano Nuovo Mondo. Eppure, inaspettatamente, in questa terra dal fascino antico le svela una strada per la felicità che passa per le pagine di un prezioso taccuino. Sotto cieli di straordinari colori, in valli sconfinate dai mille profumi, sopraffatta da una passione sconosciuta, scopre una nuova forma di libertà: l'amore. Miguel conquisterà il suo cuore, proprio lui che lei non può amare...
"I lanciafiamme" invece  è un romanzo che si apre durante prima guerra mondiale e poi prosegue compiendo salti spaziotemporali, passando attraverso la scena artistica della New York degli anni Settanta, l’Egitto coloniale e arrivando alle piantagioni di gomma del Brasile e agli anni di piombo in Italia. E’ un romanzo, quello proposto da Rachel Kushner, in cui viene rappresentato l’ardore giovanile e la forza seducente della velocità e della violenza. Come suggerito dal titolo stesso, ciò che l’autrice intende raccontare è la fiamma della passione che ha animato artisti ed anarchici, fascisti e futuristi. La narratrice protagonista è una ragazza soprannominata Reno, come la città del Nevada da cui proviene. Ha vent’anni e ha finito da poco gli studi. L’arte è la sua grande passione e sogna di fare l’artista. Sta sfrecciando su una moto a 150 miglia all’ora, perché intende creare un’opera d’arte in grado di rappresentare la velocità. Nelle prime pagine, parallelamente alla vicenda di Reno, vi è quella di Valera, un soldato italiano. Rachel Kushner, con i lanciafiamme, attraversa diversi periodi storici, per raccontare l’energia , talvolta distruttiva, delle ideologie.
Molto bello...e toccante.
 
Il romanzo racconta la storia vera di una ragazza qualunque che diventa la sposa di uno degli uomini più famosi e amati degli Stati Uniti: il celebre aviatore Charles Lindbergh.
I giornali lo braccano, le donne lo adorano, gli uomini lo emulano. Ma quando lui, di ritorno da un viaggio, conosce Anne, la figlia dell'ambasciatore degli Stati Uniti in Messico, capisce di avere appena trovato quello di cui è in cerca da sempre, e la chiede in sposa. Un anno dopo il matrimonio, però, il primogenito della coppia, Charles jr., viene rapito da una banda di criminali che, dopo aver incassato il riscatto, lo abbandona senza vita in un campo. La famiglia è distrutta dal dolore, soprattutto Anne, che non riesce a perdonarsi il fatto di aver anteposto le esigenze di viaggio del marito al figlio. Anne e Charles hanno altri figli, ma non riescono più a recuperare l'intimità di un tempo. Lindbergh è sempre in viaggio o a qualche evento mondano, e ormai non si preoccupa più neppure di nascondere le sue scappatelle. Del resto, come può una ragazza timida e riservata come Anne competere con il famoso aviatore “Lucky Lindy”? Meglio trovare rifugio nella solitudine dei libri, allora, nella scrittura e tra le braccia di un medico che la capisce.
 
E’ un bel romanzo,con tante sfaccettature. E’ la storia di un uomo che ha fatto la Storia e che, per qualche motivo connesso con la sua storia famigliare, era incapace di tenerezza. Un uomo di grande coraggio che amava volare per sentirsi piccolo nell’universo. Ma è anche la storia di una donna che si è sentita ‘grande’ per essere stata scelta da un grande uomo, che ci ha messo quarant’anni per ritrovare se stessa dopo essere stata plasmata dal marito. E’ poi una storia d’amore, di quel tipo di amore che elettrizza. Che ti spinge a rinunciare a te stessa senza che tu te ne accorga, ma forse, dopotutto, questo è l’unico tipo di amore che permette di continuare a vivere accanto alla persona con cui si è sposati.
 
 
Bene, non mi resta che augurarvi buona lettura!!!...e alla prossima recensione!

 

martedì 15 luglio 2014

Baia delle sirene

 
Visto che questa estate non prevedo lunghe vacanze fuori regione, ho deciso che scandaglierò le spiagge migliori della Liguria vicino a me. Ve le farò conoscere meglio se già ci siete stati e vi incuriosirò così tanto da spronarvi a partire per vederle!
Comincio da uno dei posti più graditi per me...il Parco marino dell'Isola di Bergeggi.
Ve ne ho già parlato...ma oggi vi mostro una delle spiagge più suggestive, il Lido delle Sirene.

 
Per accedere bisogna scendere ( ...e al ritorno risalire! Ih,ih,ih...) un centinaio di gradini, per questo è frequentata con "riserva", perchè non tutti han voglia di scarpinare un po'...
Quindi affollamento relativo, anche d'estate...e questo è il bello!
Non parliamo del panorama...che potete ben vedere da soli...l'acqua e il fondale puliti, sembra di stare in Sardegna, come tutte le spiagge liguri (quasi tutte!) non ha sabbia fine ma ciotolini, che non sporcano!
L'unico punto a sfavore, se vogliamo vederlo così, è che il pomeriggio il sole cala abbastanza presto, per via delle rocce che la sovrastano...insomma si può stare anche in ombra (naturale...).
 

 
E' una delle più belle spiagge della provincia di Savona...e credo che si capisca il perchè! La natura è regina, fuori e dentro all'acqua, infatti qui si può fare snorkeling e immersioni.
Se si è provetti nuotatori si può arrivare fino all'isoletta, stando attenti alle correnti...
Che dite?...non è una bella fortuna avere a mezzora da casa (casa mia intendo....) questo paradiso?
Io credo proprio di sì...e ne sono consapevole!
 

Bene...adesso vi lascio gustare le immagini e i colori dell'estate che è finalmente cominciata.
Continuo a perfezionare la mia abbronzatura e vi abbraccio!
...alla prossima spiaggia "di casa"!
 




lunedì 14 luglio 2014

Ghirlanda d'estate


Anche l'estate merita una ghirlanda nuova alla porta di casa...
Questa è molto semplice e di "riciclo": il midollino per la ghirlanda, dei fiori di seta, nei nastri multicolor in toni pastello e delle farfalle leggere, intagliate nella carta.
Et voilà!
 


Sembra che le farfalle si siano date appuntamento sulla mia porta...
...e non potrei sopportare che queste, in carta!
Visto che io ho una vera e propria "fobia" per gli insetti con le ali.
Speriamo che questi colori vivaci si armonizzino presto con quelli del tempo...che in questi giorni è stato parecchio grigio!
Buona settimana.
 



lunedì 7 luglio 2014

Welcome Summer

Eh, lo so...lo so...l'estate qui al Nord non si può ancora chiamare così....!
Infatti, un giorno sì e l'altro anche, piove e il cielo è grigio.
Strana estate questa, almeno fino ad ora.
Vediamola così: per il momento non soffriamo il caldo!
Quindi speriamo in giorni più soleggiati da passare sulle nostre spiagge... e allora ricamiamo queste cabine colorate, facendo la "danza del sole"!


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...